Musica e QUARANTENA: stare bene premendo PLAY

In questi giorni più che mai si sente la necessità di “stare bene”, non solo dal punto vista fisico (data la pandemia in atto) ma anche, e soprattutto, dal punto di vista mentale.

La clausura forzata (ma anche giusta) è sicuramente un modo per evitare il contagio dal temutissimo Covid-19. Già… ma a quale prezzo?

Se da un lato è stata un’ottima scusa per riposarsi dal lavoro e dallo stress quotidiano, dall’altro è stata complice dell’aver aperto il vaso di Pandora, lasciando fuoriuscire la verità sulla nostra fragilità in quanto esseri umani.

Non potendo sfuggire dalle grinfie di un’inevitabile realtà dei fatti, possiamo solo distrarci e concentrare le nostre energie su quello che davvero ci piace: per noi musicisti è la musica.

Studiare, comporre musica porta con sé molti effetti positivi e aiutare a ristabilire in parte l’equilibrio psichico che questi giorni ci ha rubato.

E per i babbani? Coloro che non suonano, per loro è tutto perduto? Non sia mai!

Ascoltare musica infatti può essere una vera e propria manna dal cielo, non solo perché combatte la noia ma anche perché ci aiuta a “stare bene”.

Ovviamente non sono io a dirlo, ma la Scienza.

Come è noto ascoltare musica rilascia endorfine, ok… ma cosa sono?

Sono dei neurotrasmettitori (da profano, sostanza chimica prodotta dal cervello) che hanno funzioni analgesiche, un po’ come la morfina.

Insomma ci sentiamo più rilassati.

Un ascolto della musica attento inoltre, stimola il cervello e lo potenzia, questo perché vengono messi in moto molti meccanismi, tra cui i lobi temporali (la melodia), l’area di Broca (le parole) e il cervelletto (il ritmo).

Molto utile anche per allenare la memoria, indispensabile per avere la piena comprensione del brano (vedi articolo precedente).

Non a caso la Musicoterapia è molto utilizzata contro le malattie neurologiche.

Se volete farvi un regalo insomma ascoltate molta musica e fate un regalo a tutti: state a casa!

Per chi volesse approfondire il discorso vi consiglio i libri di Oliver Sacks e in particolare “Musicofilia

Oliver Sacks, medico e scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *